Non piangere! Dice Gesù asciugando le nostre lacrime….

Luca 7:11-15

La storia della risurrezione del figlio della vedova di Nain parla della compassione di Cristo Gesù il quale soccorre una famiglia, una vedova, un giovane dando a questi cari un futuro diverso da quello che stavano vivendo.

Consideriamo come dietro ogni ragazzo ci sono dei genitori e delle famiglie. I pensieri che si hanno per i figli sono tanti e soprattutto se si tratta di genitori credenti bisogna avere a cuore la salvezza dell’anima loro. La mamma protagonista di questa storia era nel lutto ed era addolorata perché qualcosa di grave era successo a suo figlio, era morto.
La morte di un figlio unico è un grande dolore ma nel caso della donna era ancora più accentuato, in quanto, essendo vedova il suo sostegno dipendeva da lui. Venne meno un conforto e un aiuto, lei rimase nella solitudine.
La morte spirituale di una generazione ci affligge ancora di più. Questo figlio, sia per la mamma, ma potremmo dire per tutti i genitori, rappresenta una futura generazione perduta. Abbiamo dunque una generazione che piange per un’altra.

Dio non è indifferente alle lacrime dei genitori quando intercedono presso di lui a favore dei loro figli o quando soffrono perché li vedono in pericolo. Dio premia la fede e asciuga le lacrime.

  • Agar piange nel vedere Ismaele in difficoltà e Dio provvedeGen. 21:14-21

  • Naomi si preoccupa di una sistemazione per Rut e Dio fa grazia Rut 3:1-11

  • La donna sirofenicia persevera nella fede e Gesù accoglie la sua richiesta per la figlia Marco 7:24-29

I ragazzi possono allontanarsi dalla casa dei genitori, possono allontanarsi dalla chiesa del Signore ma non possono allontanarsi dalle lacrime versate in preghiera e dalla fede espressa in Dio da parte di genitori e di credenti. Gesù è la speranza per quei genitori che sono in ansia per i loro figli. Come quei genitori nei vangeli che hanno portato al Signore i propri figli facciamo lo stesso anche noi Marco 10:13-16.
È possibile per ogni genitore vedere i figli liberati dalle situazioni più difficili. Possa Dio incoraggiare e sostenere la fede provata di qualche genitore Marco 9:21-27.

Non piangere! Dice Gesù asciugando le nostre lacrime….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...